closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Turandot secondo Ricci Forte

Musica. Portato in scena al Macerata Opera Festival dalla coppia di autori e registi un allestimento del capolavoro pucciniano

«Turandot»

«Turandot»

Storia di una bambina che giocava alla principessa crudele. Storia di una bambina che deve diventare grande. Accidentalmente la bambina è un’eroina di Puccini, Turandot, che regna in uno strano futuro vintage, fra Dick Tracy , Batman e il treno ‘classista’ del film Snowpiercer. Nel progetto di Ricci/Forte al Macerata Opera Festival l’alter ego psicanalitico del regista Stefano Ricci è proprio Turandot. Sin dall’inizio si aggira in palcoscenico organizzando la ritualità di sogni, paure (il principe di Persia muore sotto forma di bambini ammazzati e ibernati, quasi fossero ovuli) e vanità, pavoneggiandosi in groppa a un gigante orso polare. Un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.