closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Tunisia, catturati in mare e deportati oltre il confine libico

La denuncia. Otto organizzazioni hanno ricostruito la gravissima vicenda di un centinaio di migranti subsahariani

«Per favore aiutateci, stiamo per morire. Non mangiamo da cinque giorni. Hanno violentato le donne. Hanno messo gli altri in prigione. Siamo nel deserto. La polizia tunisina ci picchia, quella libica ci cattura. Venite a cercarci», dice un uomo con la voce rotta dalle lacrime. È una delle richieste di aiuto registrate nei messaggi vocali ricevuti da otto importanti organizzazioni che ieri hanno denunciato una vicenda gravissima (tra loro: Avvocati senza frontiere/Asf; Forum tunisino per i diritti economici e sociali/Fteds; Organizzazione mondiale contro la tortura/Omct; Associazione studi giuridici sull’immigrazione/Asgi). Lunedì scorso sette imbarcazioni hanno lasciato le isole tunisine di Kerkennah...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.