closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Tulsa 100 anni dopo: dal massacro dimenticato al Giorno della memoria

Nel cuore dell'Oklahoma. La visita di Joe Biden sul luogo dei linciaggi a sfondo razziale che il 31 maggio 1921 provocarono centinaia di vittime: «Andiamo oltre il ricordo e usiamo questo giorno per riflettere sul razzismo sistemico». Il presidente porta in dote 10 miliardi di dollari del suo piano per le infrastrutture «con nuove specifiche per le comunità sotto-servite»

Tulsa, Oklahoma, un murale che ricorda il massacro di 100 anni fa

Tulsa, Oklahoma, un murale che ricorda il massacro di 100 anni fa

Il 30 maggio 1921, alle quattro del pomeriggio, il diciannovenne Dick Rowland entrò nell'ascensore del Drexel Building al 319 di South Main Street a Tulsa, Oklahoma. Voleva usare il bagno al primo piano, il solo che potesse usare - Dick Rowland era nero. A spingere leve e pulsanti dell'ascensore, la diciassettenne bianca Sarah Page. Qualcuno sentì un grido e vide un nero che scappava, qualcun altro chiamò la polizia. 40 ore dopo, centinaia di cadaveri sconciavano le strade di Tulsa e il fumo saliva dai quartieri in fiamme. Il presidente Joe Biden si è spinto ieri nel cuore dell'Oklahoma per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.