closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Tsipras: «No ai ricatti e agli ultimatum». E annuncia il referendum il 5 luglio

Grecia. Il 5 luglio referendum sull'accordo proposto dei creditori. Nel frattempo chiesta un'estensione dei finanziamenti. Sulla legittimità del referendum si esprimerà il Parlamento. Ieri giornata di tensione in attesa del nuovo Eurogruppo di oggi. Atene sembra indirizzata verso un default con la volontà di rimanere dentro l’euro, ma potrebbe annunciare che non verrà pagato il debito. La palla a quel punto passerebbe ai creditori

Alexis Tsipras

Alexis Tsipras

Tornato ad Atene, da Bruxelles, Tsipras ha rimesso nelle mani del popolo greco la decisione sulla proposta dei creditori. Il 5 luglio un referendum, che dovrà essere prima ratificato dal parlamento (ma Syriza ha i numeri per approvarlo), stabilirà se la Grecia accetterà o meno le ultime proposte delle «istituzioni». Tsipras, come altri ministri, si è già espresso per il «no» in modo chiaro, ma il governo farà decidere alla popolazione greca. La decisione di Alexis Tsipras è giunta al termine di una giornata convulsa, di grande tensione, proprio quando sembrava decisivo l'incontro di oggi, tra pessimismo e scenari apocalittici. Se sarà no, si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.