closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Truppe turche in Iraq minacciano l’unità e Teheran

Medio Oriente. I peshmerga fanno arrivare carri armati e soldati turchi alle porte di Mosul: «Solo per addestramento». Ma si parla già di operazioni via terra sulla seconda città irachena. Nato e Turchia sfidano così Iran e Russia

Carro armato turco al confine con la Siria

Carro armato turco al confine con la Siria

Ormai non si tratta più di mere provocazioni. Ora è guerra aperta: tra Erbil e Baghdad a parlare sono le armi che non risuonano più solo a Kirkuk, dove da settimane milizie sciite e peshmerga si contendono le ricchezze petrolifere della zona. Nel mirino c’è Mosul, seconda città irachena, roccaforte sunnita e centro economico del paese. Per settimane i peshmerga hanno ripetuto di non voler prendere parte alla liberazione della città se non in sostegno all’esercito iracheno. A quanto pare non è così: dopo aver circondato Mosul da Sinjar, a ovest, e da Erbil, a est, i kurdi iracheni hanno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi