closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Trump, un tiranno degno delle opere di Shakespeare

Stati Uniti. Dopo il nuovo libro di Bob Woodward che descrive una Casa Bianca in preda al caos, è arrivato l’esplosivo editoriale anonimo del New York Times attribuito a un «alto responsabile» dell’amministrazione. Un docente di Harvard, Stephen Greenblatt cita invece Riccardo III, Enrico VI e Macbeth come esempi di tiranni arrivati al potere a causa della «debolezza del Regno» e mette in luce inquietanti somiglianze fra le loro ambizioni, il loro carattere, i loro metodi e quelli di Trump

Ci vorrebbe Shakespeare, non i mediocri sceneggiatori di Netflix, per descrivere ciò che accade a Washington. Dopo il nuovo libro di Bob Woodward che descrive una Casa Bianca in preda al caos, è arrivato l’esplosivo editoriale anonimo del New York Times. Editoriale attribuito a un «alto responsabile» dell’amministrazione Trump, non solo senza precedenti nella storia della presidenza, e del giornalismo americano, ma soprattutto devastante nella sua descrizione di un Trump ignorante, disinteressato alla politica estera, incapace di concentrarsi, palesemente inadatto al ruolo che ricopre. Così disperatamente fuori posto che l’autore dell’articolo afferma di restare in carica solo per impedire al...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.