closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Internazionale

«Trump offrì la grazia ad Assange perché tacesse sui russi»

Stati uniti. Secondo i legali del fondatore di WikiLeaks, l'ex deputata Dana Rohrabacher andò a Londra su ordine del presidente per la "trattativa". La Casa bianca nega, ma lei conferma

Julian Assange

Julian Assange

L’avvocato di Julian Assange, Edward Fitzgerald, ha affermato che un ex membro del Congresso americano aveva offerto, a nome di Donald Trump, la clemenza al fondatore di WikiLeaks se avesse negato il coinvolgimento della Russia nell’hackeraggio alle email del Comitato nazionale democratico (Dnc).

I legali di Assange hanno dichiarato alla corte di Westminster che a fare l’offerta in una visita a Londra nell’agosto 2017 era stata l’allora deputata Dana Rohrabacher, specificando di agire su istruzioni del presidente degli Stati uniti.

Rohrabacher ha confermato a Yahoo News di aver avuto una riunione di tre ore all’ambasciata ecuadoriana nell’agosto 2017 e di avere informato Assange del potenziale accordo con Trump. L’ex deputata ha dichiarato di averlo fatto per raccogliere prove riguardo una teoria, ampiamente sfatata, secondo cui a fare il leak delle email sarebbe stato l’ex membro del Dnc, Seth Rich, ucciso a Washington nel 2016, e non gli agenti dell’intelligence russa che avevano violato i sistemi di protezione informatica dei democratici.

La teoria di un leak dall’interno sarebbe stata funzionale per negare le conclusioni delle procure dell’intelligence Usa e dell’ex consigliere speciale Robert Mueller, secondo cui agenti russi avrebbero violato l’email del Dnc per passarle a WikiLeaks e renderle pubbliche.

La segretaria stampa della Casa bianca, Stephanie Grisham, ha definito l’affermazione di Fitzgerald una «fabbricazione completa». «Il presidente conosce a malapena Dana Rohrabacher – ha dichiarato Grisham – Sa solo che è un ex membro del Congresso. Non le ha mai parlato di questo argomento o di quasi nessun argomento. È una fabbricazione completa, una bugia totale. Probabilmente un’altra bufala senza fine del Dnc».