closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Trump ha ostacolato la giustizia. Ma tocca al Congresso giudicare se è reato

Russiagate. Il procuratore generale William Barr ha reso pubblico il rapporto del procuratore speciale Robert Mueller con l'esito delle indagini sulla condotta del presidente Usa durante la campagna elettorale. «Diverse persone del suo comitato hanno mentito a investigatori e Congresso sui loro contatti con la Russia, ostacolando materialmente l’indagine»

Il procuratore generale William Barr e  il suo vice Rod Rosenstein durante la conferenza stampa di ieri

Il procuratore generale William Barr e il suo vice Rod Rosenstein durante la conferenza stampa di ieri

Il procuratore generale William Barr ha reso pubblico il rapporto di 400 pagine del procuratore speciale Robert Mueller sul Russiagate e i tentativi di Trump di ostruzione della giustizia. Alcune parti sono state oscurate per proteggere indagini ancora in corso o la privacy di persone coinvolte. Durante la conferenza stampa che ha preceduto la consegna del documento al Congresso, Barr ha ripetuto più volte quanto aveva già detto nel riassunto di 4 pagine diffuso un mese fa e che scagiona Trump. Mentre ora sappiamo che Mueller non l'ha fatto. NEL REPORT SI LEGGE che non si può parlare di collusione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.