closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Commenti

Trump e il populismo

Stati uniti. Gli americani sono ben consci del «patto col diavolo» che i democratici hanno stretto in questi anni con le élite economiche: dopo la convention Hillary si è dedicata prevalentemente a raccogliere fondi. Il sostegno di Wall Street significa il distacco da quei milioni di americani che campano alla meglio, alle prese con l’insicurezza economica e con la sensazione di impotenza politica. Quegli americani che una candidatura di Bernie Sanders avrebbe potuto convincere

Alle elezioni del prossimo novembre potrebbe emergere una maggioranza relativa di cittadini che invoca legge e ordine a qualsiasi costo, favorevole a espellere 11 milioni di immigrati, a sopprimere la protezione dell’ambiente, la progressività del sistema fiscale e il diritto all’aborto: un panorama politico da brividi. Nel 1933, il nazismo andò al potere manipolando gente perbene, che voleva solo vivere in una «Germania ordinata». Lo stesso potrebbe fare Donald Trump: occorre quindi chiedersi perché molti americani onesti voteranno per lui. Una parte della risposta sta in un vecchio libro di Michael Kazin, The Populist Persuasion, che traccia una storia del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi