closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Trump, dalla padella Usa alla brace del Medio Oriente

American Psycho. Potrebbe conseguire qualche punto nella regione, avrà a che fare con autocrati e governanti in fondo non molto diversi da lui, e che per questo l’ammirano, detestando le scelte del predecessore Obama

Domani, in Arabia Saudita, Donald Trump pronuncerà un discorso sull’Islam di fronte a cinquanta leader e alti dignitari di diversi paesi musulmani. Un intervento molto atteso. Per tante ragioni. La prima riguarda l’oratore stesso, il presidente che suggellò il suo ingresso alla Casa Bianca con la firma dell’Executive Order 13769. Il famigerato muslimban, il divieto d’ingresso negli Stati Uniti per i passeggeri provenienti da sette paesi islamici. E chi fu l’estensore di quell’ordine esecutivo? Stephen Miller, con la complicità di Steve Bannon. Quello stesso Miller, 31 anni, che scrive e ha scritto i più importanti discorsi di Trump. Fu notato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.