closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Trovami 11.780 voti, Brad». Trump tenta la carta disperata: l’eversione

Stati uniti. La telefonata "golpista" al segretario di stato della Georgia Raffensperger pubblicata sul Washington Post. Un'ora di colloquio con l'uomo che ha acconsentito a uno due tre riconteggi, ma che stavolta ha registrato tutto

Donald Trump in linea dallo Studio ovale della Casa bianca

Donald Trump in linea dallo Studio ovale della Casa bianca

Il Washington Post dice «colpo di stato». Sul New York Times si parla di impeachment. Per la vicepresidente Kamala Harris è «un insolente e sfrontato abuso di potere». «Peggio del Watergate», dice un protagonista del Watergate, Carl Bernstein. Silenzio glaciale dei repubblicani, mentre si muovono procuratori federali e statali, agenti del Fbi. È un’America esterrefatta quella che legge e rilegge la trascrizione della telefonata del presidente uscente Donald Trump al segretario di stato della Georgia Brad Raffensperger. «Guarda, tutto ciò che voglio è solo trovare 11.780 voti, cioè uno di più di quelli che abbiamo, perché noi abbiamo vinto la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi