closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Trouble», nel mondo di Warhol tra l’icona pubblica e i suoi segreti

Intervista. La Pop art, New York, le rivoluzioni degli anni ’60, i miti della Factory e dei suoi protagonisti. Gus Van Sant racconta il suo esordio teatrale, al RomaEuropa festival

Erano gli anni Sessanta quando Gus Van Sant ancora ragazzino si lasciava incantare dagli echi di quel centro del mondo che era New York, la metropoli del «nuovo», dove le cose cambiavano in fretta, quasi senza respiro. Una manciata di anni più tardi, quando ci arriva lui lavorando un po' qua e là dopo il diploma alla Rhode Island School of Design, la città era dunque già un'altra, molte storie sembravano lontane, ma quell’epoca «sognata» coi suoi miti e le sue fantasie gli era rimasta dentro - «gli anni Sessanta sono un po' una mia ossessione», sorride. Da qui, da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.