closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Triangolo d’amore

Unioni civili. L’organizzatore e il fedele custode del patto del Nazareno ha fatto il suo ingresso trionfale in maggioranza comunicando la decisione di votare la fiducia. Come dice Renzi per vincere e comandare non si fa l’analisi del sangue a chi ti vota

Il Senato ha votato una mediocre legge sulle Unioni civili e non è stato un bello spettacolo. Non è stato bello vedere all’opera i nostri talebani contro le «checche isteriche», contro le adozioni proibite ai «contro natura», contro l’obbligo di fedeltà per le coppie gay dovendo restare – la fedeltà – esclusiva prerogativa del matrimonio. Quell’Italia anni ’50 radunata al Family day può dirsi soddisfatta. E’ stata egregiamente interpretata da un dibattito parlamentare intossicato da incivili argomenti, ed è ben rappresentata dalla sparuta truppa di Alfano, con la benedizione dello stato maggiore vaticano.

Nel Pd, con due eccezioni, Luigi Manconi e Michela Marzano, tutti hanno scelto di allinearsi al voto di fiducia. Nel partito di Renzi è subito scoppiata la pace, l’opposizione interna ha dato pieno appoggio alla linea del segretario-presidente. Con un largo giro di valzer, Monica Cirinnà, la paladina del provvedimento, dopo aver giurato che non avrebbe votato lo stralcio sulle adozioni, si è appuntata sul petto la coccarda del voto di fiducia. Finché si trattava di mettere una parola buona sui grandi principi di libertà e uguaglianza per i diritti, abbiamo assistito alla nobile gara a chi sosteneva di più le adozioni nelle coppie gay. Poi quando si è arrivati al dunque c’è stata la corsa a ripararsi sotto l’ombrellone della fiducia.

Inutile la buona volontà del presidente del senato Grasso, raggiunto dalle critiche del capogruppo del Pd, Zanda, per aver fatto il suo dovere togliendo di mezzo gli emendamenti-canguro. Una legge di iniziativa parlamentare è finita così bottino di governo. Con un vistoso anello portato in dote alla maggioranza (e al partito della nazione) dalla fiducia di Denis Verdini. L’organizzatore e il fedele custode del patto del Nazareno ha fatto il suo ingresso trionfale in maggioranza comunicando la decisione di votare la fiducia. Come dice Renzi per vincere e comandare non si fa l’analisi del sangue a chi ti vota. Il leader del partito democratico geneticamente modificato è sempre stato convinto che «senza i voti del centrodestra il Pd non vincerà mai le elezioni». E punta dritto all’obiettivo. Verdini e Alfano sono i due angeli custodi di questo presidente del consiglio e di questa legislatura.

I 5Stelle e Sinistra italiana hanno ingaggiato una forte battaglia di contenuti e di metodo. Contro l’amputazione della legge e contro i mostruosi canguri che erano solo una premessa per arrivare al voto di fiducia. E ora, insieme alle associazioni che hanno animato questa campagna per i diritti civili, contribuiranno alla mobilitazione nella società per togliere di mezzo le discriminazioni che una legge monca consente e alimenta, specialmente nei confronti dei bambini «illegittimi».

Se con le Unioni civili qualche discriminazione viene tolta alle coppie omosessuali e il bicchiere si può dire mezzo pieno, non altrettanto vale per le famiglie con i figli. Per loro non è ancora tempo di arcobaleni.

  • uther pendragon

    Ma che vi aspettavate da lo scaramacai di RIgnano e il macellaio di Campi?

  • PETCAP

    sottoscrivo parola per parola Norma Rangeri.

  • Alessandro

    Io in questa brutta vicenda ho solo un dubbio. Perchè Grillo ha scelto la libertà di voto per 2-3 senatori dissidenti sull’art.5 della Cirinnà quando per molto meno ha espulso 1/3 dei senatori del suo gruppo (18 in tutto, ne restano a oggi 36 !!) giocandosi così la possibilità di mettere in crisi l’alleanza Renzi-Alfano ? Consideriamo la ricaduta effettiva di quel gesto sul gruppo senatori M5S residuo e il concatenamento rapido di eventi a seguire ?….tutto è partito da li, prima sembrava una passeggiata, poi Alfano ha alzato il prezzo e la testa e la vicenda è scivolata verso Verdini e verso l’eliminazione di fatto della sx PD e dell’accordo sx PD-SEL-M5S. Cui prodest ? ….a mio avviso i conti non tornano nelle opposizioni vere o presunte tali….qualche “cervello di opposizione ed extraparlamentare” ha operato proRenzi…..per il resto condivido sempre ritenendo che si debbano fare distinguo tra Grillo-Casaleggio e i pentas peones che si lasciano dirigere senza riflettere a fondo e senza tenere il punto anche sacrificando qualche principio…..qualche sana lezione di leninismo la dovrebbero prendere…e invece…si sa mai che Cosenza non sia un caso isolato…