closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Trenta paesi sfruttano le risorse delle terre saharawi occupate. Anche l’Italia

Africa. Il rapporto: decine di aziende operano nel Sahara occidentale, in violazione del diritto internazionale. I settori principe restano la pesca e quello minerario: la costa è tra le più pescose al mondo, l'entroterra è ricchissimo di fosfati

Laayoune, capitale del Sahara occidentale

Laayoune, capitale del Sahara occidentale

«Sono almeno trenta i paesi che stanno investendo illegalmente nei territori occupati del Sahara occidentale in numerosi settori economici che, per il diritto internazionale, rappresentano un atto illegittimo», indica il rapporto annuale del Centro di Studi e Documentazione franco-saharawi, Ahmed Baba Miskè. Spagna e Francia, principali partner economici del Marocco e della sua politica di sfruttamento delle risorse nei territori saharawi occupati, sono i paesi che investono maggiormente nel Sahara occidentale con 28 aziende spagnole e 16 francesi. Oltre il 70% delle aziende provengono da paesi della comunità europea come la Germania con 15 società, la Svezia e la Grecia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.