closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Tredicesimo giorno No Tap, anche i sindaci in prima linea

Puglia. 231 gli ulivi da espiantare per fare un tunnel di 8 km che collegherà il gasdotto marino. Il governo tira dritto: Melendugno la soluzione migliore. Emiliano prova a mediare

Melendugno, la protesta dei sindaci

Melendugno, la protesta dei sindaci

Un’altra giornata di protesta, la tredicesima consecutiva, quella vissuta ieri nelle campagne di San Foca in Salento, all’esterno del cantiere in cui opera la ditta incaricata dal consorzio Tap e dove sorgerà il tunnel del gasdotto che approderà sulle coste pugliesi. Ad ora sono 136 sui 231 totali gli ulivi espiantati, che saranno reimpiantati una volta terminati i lavori. Il prosieguo delle operazioni, che continueranno anche oggi, non ha fatto altro che rafforzare la protesta all’esterno del cantiere: diverse persone, sdraiatesi all’alba all’ingresso del cantiere, sono state portate di peso lontano dalla «zona rossa» dalle forze di polizia. Il più...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi