closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Tre università Ue rompono con Ariel, l’ateneo coloniale

Europa/Israele. Dopo le pressioni palestinesi, unite a quelle di studenti e accademici europei, Valencia, Firenze e il francese Irt interrompono gli accordi di collaborazione con l'università costruita in una delle più grandi colonie costruite illegalmente nei Territori occupati

La colonia di Ariel, nel nord della Cisgiordania occupata

La colonia di Ariel, nel nord della Cisgiordania occupata

Le pressioni palestinesi, unite a quelle di accademici e studenti europei, hanno sortito effetto: tre università – Valencia, Firenze e l’Istituto della Ricerca tecnologica (Irt) Antoine de Saint-Exupéry – hanno deciso di interrompere la cooperazione con l’ateneo israeliano di Ariel, costruito in una delle più grandi colonia dei Territori occupati palestinesi, violazione al diritto internazionale e alla Convenzione di Ginevra, riconosciuta come tale dalla Ue. Il primo è stato l’Irt, lo scorso dicembre, su spinta dei professori che in una lettera al governo francese hanno chiesto il rispetto del diritto internazionale e l’impegno assunto nel 2014 dal ministero a non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi