closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

«Traditori», i No Tav non perdonano i grillini. È rottura totale

Val Susa. Beppe Grillo non digerisce le critiche e attacca il leader storico Alberto Perino: «fermacarte». Venerdì manifestazione a Chiomonte in occasione della visita del governatore della regione Piemonte e della sua giunta

Beppe Grillo e Alberto Perino

Beppe Grillo e Alberto Perino

«I cinque stelle sono gli unici veri No Tav, non disperdiamo il voto»: le parole che Alberto Perino, figura di riferimento del mondo anti Torino-Lione, pronunciò durante un incontro pubblico pochi giorni prima del voto del 2018, provocarono una vistosa frattura politica in val Susa. Perino se ne fece carico e mise il suo prestigio personale, la sua storia di No Tav, e non solo - fu tra i primi aderenti al Movimento non violento, e finì a processo per renitenza alla leva obbligatoria negli anni Sessanta - al “servizio” del M5s, portandogli percentuali bulgare nelle passate elezioni politiche. Ieri...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi