closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Tra superfici marziane per un altro mondo immaginario possibile

SCIENZA. Dopo sette mesi di viaggio, Perseverance, la sonda della Nasa è entrata nell’orbita del «pianeta rosso»

La sonda Perseverance (foto Ansa)

La sonda Perseverance (foto Ansa)

Da qualche tempo a questa parte, ogni paio d’anni ci sembra di essere invasi da notizie di «ammartaggi». Non è solo una moda. Ogni 26 mesi, le orbite della Terra e del nostro vicino rosso, grazie ai complicati incastri della meccanica celeste, si trovano il più vicino possibile fra di loro. E così le agenzie spaziali ne approfittano per utilizzare questa finestra di opportunità (di soli 10 giorni) per lanciare un plotone di robot per colonizzare il pianeta che da sempre ha scatenato le nostre fantasie. ECCO PERCHÉ questo febbraio sono arrivate su Marte ben tre sonde dai vicini terrestri:...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi