closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Tra le ceneri delle foreste d’Australia

Incendi. Il paese è in fiamme. Bruciano ecosistemi unici al mondo, muoiono specie a rischio come i koala, i popoli nativi si trasformano in rifugiati climatici. L'emergenza drammatica di un paese che ha avuto un ruolo di primo piano, insieme a Brasile e Arabia Saudita nel boicottare gli accordi di Parigi

Mercoledì 18 dicembre l’Australia ha registrato un nuovo record. È stato il giorno più caldo da quando esistono le stazione metereologiche, con una media delle temperature massime di 41.9 gradi in tutto il continente. Due giorni dopo, venerdì 20 dicembre, lo stato di Victoria, nell’Australia meridionale, ha registrato temperature di 47 gradi Celsius. Mentre Sydney era avvolta dai fumi degli incendi, che rendono l’aria irrespirabile e tingono i tramonti di colori post apocalittici, i venti provenienti da nord trasportavano gli stessi fumi e le ceneri, fino alla città di Melbourne, a migliaia di chilometri di distanza. Giovedì 19 dicembre, il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.