closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Tunisia tra le braccia del califfo

Il giorno dopo il massacro di Sousse. Il premier Essid adotta il pugno di ferro: 80 moschee chiuse, siti archeologici blindati e turisti guardati a vista. Il paese che esporta più combattenti verso la guerra in Mesopotamia prova a rassicurare il mondo dei vacanzieri per salvare il 7% del suo Pil. Dal 1° luglio uomini armati sulle spiagge e negli hotel

Il viale  insanguinato che porta  al Riu Imperial Marhaba di Sousse

Il viale insanguinato che porta al Riu Imperial Marhaba di Sousse

Ottanta moschee chiuse, turisti e siti archeologici presidiati dall'esercito, zone militari chiuse tra le montagne e ricompense per chiunque fornisca prove di attività terroristiche. È la risposta del governo tunisino, a 24 ore dal brutale attacco nel resort di Riu Imperial Marhaba, nella località turistica di Port el Kantaoui a Sousse. L'obiettivo è rassicurare il mondo, quello del turismo occidentale che permette all'economia tunisina di restare a galla e incassare un 7% di Pil, già crollato dal 15% dell'epoca pre-rivoluzione. Dopo l'attacco del 18 marzo al museo del Bardo, il massacro nel secondo venerdì di Ramadan rischia di interrompere il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.