closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Tra la cenere dei ricordi

Mostre. «Damasa», la personale di Gian Maria Tosatti, presso la galleria Lia Rumma

Gian Maria Tosatti alla galleria Lia Rumma di Napoli

Gian Maria Tosatti alla galleria Lia Rumma di Napoli

«Napoli mi ricorda New York», diceva spesso Andy Warhol che per i vicoli della città partenopea era stato portato da Lucio Amelio negli anni Settanta. Ma a cogliere il carattere «americano» della città e della sua popolazione era stato già il filosofo marxista Alfred Sohn-Rethel che negli anni Venti aveva scritto, per la Frankfurter Zeitung, un reportage dedicato al rapporto dei napoletani con la tecnica e quindi alla loro particolare filosofia del rotto. Non solo l’arte di arrangiarsi, ma il profondo rapporto filosofico che Napoli intrattiene con tutto ciò che è frammento e solo, e proprio per questo, funziona. A...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.