closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Tra dissonanze e silenzi, il tempo di Abdullah Ibrahim

Musica. Nel programma della diciannovesima edizione del Roma Jazz Festival, una performance dell'ottantacinquenne pianista sudafricano

Abdullah Ibrahim

Abdullah Ibrahim

L’edizione numero 19 del Roma jazz festival - dal titolo No Borders. Migration and Integration, dopo le date di Dianne Reeves, il batterista-compositore Antonio Sánchez, il Cross Currents trio, Archie Spepp, Tigram Hamasyan e Donny McCaslin, ha accolto nella Sala Sinopoli dell’Auditorium l’85 enne pianista sudafricano Abdullah Ibrahim. Autoesiliatosi dal Sudafrica ai tempi di un violento ed odioso apartheid, Ibrahim è da allora cittadino del mondo pur avendo fieramente lottato per la libertà nel suo paese dove, a più riprese, è tornato. Il 2019 per il pianista è un anno di significative presenze discografiche: l’album The Balance (Gearbox) segna il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.