closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Tra diplomazia, nucleare e «guerre ombra»

Golfo, il Grande gioco. Insieme all’annuncio del ritiro dall’Afghanistan, gli Usa di Biden, diversamente da quelli di Trump, stanno lavorando per cambiare, almeno sul piano diplomatico, i rapporti di forza sul fianco sud-orientale della Nato

Cosa accade a Teheran e nel Golfo? Forse potremo chiederlo al ministro degli esteri iraniano Javad Zarif - di recente nella bufera per le sue dichiarazioni contro il generale Qassem Soleimani, ucciso dagli Usa nel 2020 - quando verrà Roma tra qualche settimana. Alla vigilia delle elezioni presidenziali di giugno. La missione non è ancora ufficiale ma l’indiscrezione è comunque interessante. «L’Iran al tempo di Biden - scrive nel suo ultimo libro Luciana Borsatti già corrispondente dell’Ansa a Teheran - non è questione che riguardi soltanto Teheran e Washington: riguarda il futuro di tutto il Medio Oriente e dell’Europa come...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi