closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Tra Di Maio e Salvini è rissa nel vicolo cieco

Verso nuove consultazioni. Il leader 5 Stelle attacca il leghista: «Dice no alle elezioni per problemi di soldi». Se le altre strade saranno chiuse, Mattarella valuterà la carta di un governo «di tregua». Che però al momento non dispone di una maggioranza

Luigi Di Maio

Luigi Di Maio

Il conto alla rovescia è cominciato. Per Sergio Mattarella il momento di prendere una decisione si avvicina e la crisi scivola, forse irreversibilmente, verso nuove elezioni in autunno: ipotesi che Mattarella ritiene dannosa e pericolosissima. Tra domani e i primi giorni della settimana il presidente terrà quasi certamente nuove consultazioni. PER ORA, UFFICIALMENTE, il presidente aspetta l’esito della direzione del Pd, perché il Colle non si può muovere sulla scorta di un’intervista televisiva. Formalmente è ineccepibile. Nella sostanza è un prendere tempo. Dalla direzione di oggi Mattarella non si aspetta nessun segnale nuovo: sa benissimo che l’ordine del giorno di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi