closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Tra cielo e terra, i peccati capitali per le vie di Algeri

Venezia 70. «Es Stouh (Les Terraces)» di Merzak Allouache, in concorso, un affresco impietoso della violenza in Algeria

«Es Stouh (Les Terraces)» di Merzak Allouache

«Es Stouh (Les Terraces)» di Merzak Allouache

Quelle terrazze che nei film nordafricani degli anni settanta apparivano deserte, inondate da un sole abbacinante, torri di vedetta per qualche sparuto adolescente verso mondi e sogni lontani, oggi Merzak Allouache le ha riempite di tutti i peccati capitali in Es-Stouh (Les terrasses). Film che si posiziona tra cielo e terra, verso l’alto dove si innalzano le preghiere nei cinque momenti cruciali della giornata, verso il basso dove un’umanità feroce compie le sue quotidiane efferatezze. La vista del lungomare di Algeri che apre il film alle luci dell’alba e lo chiude illuminato nella notte non ha così un valore illustrativo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi