closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Tortura, l’«acqua sporca» della storia americana

Stati Uniti. Le torture del post-11 settembre sono finalmente agli atti del Senato. Tra molta ipocrisia e molta tattica pre-elettorale. I repubblicani - tranne McCain - difendono a spada tratta la Cia

Ci sono voluti 5 anni, quasi quanti la durata ufficiale del regime durante il quale gli Stati Uniti hanno adottato la tortura come strumento di guerra, ma l’atteso rapporto sulle «tecniche di interrogatorio potenziate» è infine stato reso pubblico. Il documento della commissione intelligence del senato ha riaperto una pratica che molti avrebbero preferito lasciare sepolta e scatenato un vaso di Pandora di veleni emananti dal capitolo più vergognoso della storia contemporanea americana. In realtà il rapporto completo di oltre 6000 pagine rimane top secret ma il sunto di 582 pagine pubblicato martedì basta ampiamente a confermare ciò che era...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.