closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Tortelli e olgettine in una seducente Boheme

A teatro. Il curioso allestimento del capolavoro pucciniano della londinese Opera UpClose con ambientazione moderna

scena della Boheme

scena della Boheme

Vestiti informali con jeans scuri e maglietta, Rodolfo picchietta sulla tastiera del laptop e Marcello traffica dipingendo su una tela lamentandosi del freddo appartamento. Presto raggiunti da Colline, studente di filosofia e Mimì, donna delle pulizie ucraina, con le sirene della polizia in sottofondo. Siamo nella soffitta sui tetti di Parigi del capolavoro pucciniano, La Bohème, in una versione decisamente aggiornata e anticonvenzionale (nonché cantata interamente in inglese), messa in scena dal gruppo londinese Opera UpClose, traducibile con opera da vicino. Un progetto nato qualche anno fa nel piccolo Cock Tavern Theatre di Kilburn, una sala al secondo piano di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi