closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Torino, un ospedale sottratto per le Universiadi 2025

Da mesi i cittadini chiedono che il Maria Adelaide sia restituito alla comunità. Il nosocomio chiuso nel 2016 sarebbe trasformato in uno studentato

Torino, i cittadini protestano contro la trasformazione dell'ospedale Maria Adelaide in uno studentato per le Universiadi 2025

Torino, i cittadini protestano contro la trasformazione dell'ospedale Maria Adelaide in uno studentato per le Universiadi 2025

Il Maria Adelaide sia restituito al Servizio sanitario nazionale come Casa e Ospedale di Comunità. Lo chiedono tanti cittadini torinesi riuniti in assemblea permanente da mesi. Una proposta in linea con le esigenze del quartiere Aurora, povero di servizi e con una non trascurabile concentrazione di disagio sociale, e con quello che prevede il Pnrr, ovvero l’utilizzo dei finanziamenti europei proprio per situazioni di questo tipo. I cittadini non vogliono che l’ospedale, chiuso nel 2016, diventi uno studentato da 400 posti letto per le Universiadi del 2025, come invece vorrebbero il Comune, la Regione e l’Università. E, ieri, seppur oscurati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.