closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Tor Bella Monaca, sfratto per il centro antiviolenza

La mozione presentata dal movimento 5 stelle determina la riassegnazione dei locali. Stefania Catallo, responsabile e fondatrice del centro: "Non sono stata avvisata e ho avuto l'affidamento della struttura da parte della giunta"

«Presentare una mozione è un atto politico. Vorrei dunque sapere di che cosa precisamente mi si accusa». Stefania Catallo, responsabile e fondatrice del Centro Antiviolenza «Marie Anne Erize» del quartiere di Tor Bella Monaca, alla periferia di Roma, non accetta lo sfratto dai locali di via Aspertini 393 (avuti in affidamento solo due anni fa, in forma diretta, per meriti e con apposita delibera della giunta). La mozione, presentata durante la seduta consiliare del Municipio VI solo tre giorni fa, dal movimento 5 stelle in cui si chiede la riassegnazione dei locali tramite bando arriva dunque come una doccia fredda...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.