closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Tonfo clamoroso del Pil, i precari occupano l’Istat

Stagnazione Italia. Il prodotto interno lordo è sceso al livello più basso dal 2000. E la crescita a fine anno sarà a -0,3%. Questo è il tasto più dolente per il governo che ha sbagliato tutte le previsioni. E intanto i 372 precari occupano l'Istituto Nazionale di Statistica. Tra 50 giorni non avranno più il contratto. L'ente sarà in grado di comunicare ancora i dati sulla recessione?

Non è bastato cambiare il sistema dei conti nazionali, inserendo 59 miliardi di euro in più derivanti dai proventi del traffico di droga, della prostituzione e del contrabbando di sigarette e di alcol, per fermare la caduta libera del Prodotto Interno Lordo. Ieri l'Istat ha confermato ciò che il governo preferirebbe non vedere: l'Italia è in stagnazione e il suo Pil è crollato nel secondo trimestre del 2014 a 385,776 miliardi di euro, il valore più basso dal primo trimestre del 2000, 14 anni fa. Il paese è stritolato in un blocco produttivo e di consumi fatali. Il Pil chiude...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.