closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Tokyo «scopre» il radicalismo islamico

Giappone. Dopo sei mesi di prigionia, e 200 milioni di dollari di richiesta di riscatto, due giapponesi sono stati uccisi dall’Is

Tokyo «scopre» il radicalismo islamico

Tokyo «scopre» il radicalismo islamico

Crediamo che quello nella foto sia effettivamente Yasuda, ha detto il 30 maggio scorso il ministro degli Esteri giapponese, Fumio Kishida. Tokyo ha confermato l’autenticità della fotografia diffusa online che ritrae il giornalista freelance Jumpei Yasuda con una lunga barba, una tuta arancione e un cartello: per favore aiutatemi, questa è la mia ultima possibilità. Da quasi un anno Yasuda è nelle mani del gruppo terroristico di al Nusra, legato ad al Qaeda e attivo in Siria, dove il giornalista si era recato attraversando il confine con la Turchia. Lo scorso marzo un video diffuso su Facebook mostrava Yasuda accusare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.