closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Tim, vincono ancora i francesi: Gubitosi lascia, ecco Labriola

La Partita della Rete. Vivendi impone cambio alla guida: arriva il ceo ora in Brasile. Lunedì sindacati in piazza. Respinta il primo assalto nebuloso degli americani di Kkr

Un cantiere di cablaggio con fibra ottica

Un cantiere di cablaggio con fibra ottica

È finita come gli analisti immaginavano. Dopo tre anni di tribolazioni la storia da amministratore delegato di Tim di Luigi Gubitosi. Continua invece la crisi della più grande impresa di telecomunicazioni italiana, mai risollevata dalla privatizzazione. Lunedì i sindacati scenderanno in piazza per far sentire la protesta dei 40mila lavoratori a l’ennesimo governo non in grado di ridare una strategia nonostante l’occasione del Pnrr e della rete unica. Nel giorno della firma del Trattato del Quirinale hanno dunque vinto i francesi di Vivendi - primi azionisti e in perdita, dopo il fallito assalto a Mediaset - respingendo l’attacco del fondo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.