closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Tim Robbins, la mia gang di attori tra Shakespeare e il carcere

Incontri. L'attore americano in scena dal 22 giugno al milanese teatro dell'Arte: «Il palcoscenico è il luogo dove ricaricarmi. Più del cinema tocca nel profondo le emozioni e l'intelletto del pubblico

Tim Robbins

Tim Robbins

Non è la prima volta che l’attore e regista cinematografico pluripremiato (Oscar per Mystic River di Clint Eastwood, migliore attore al festival di Cannes per The Player di Robert Altman) approda a Milano. Quella tra Tim Robbins e la Triennale infatti è una relazione che comincia lo scorso anno, che si è rinnovata nei giorni scorsi col workshop teatrale tenuto insieme a Cynthia Ettinger e a Bob Turton, e ora con il debutto (il 22 giugno fino al 24 al Teatro dell’Arte) de Il sogno di una notte di mezza estate di cui Robbins firma la regia. L'attore perà ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.