closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Tigrini, Onu e salesiani. Abiy Ahmed contro tutti

Il conflitto in Etiopia. Anche 16 impiegati delle Nazioni unite e 17 tra religiosi e laici nell'ondata di arresti avviata dal governo di Addis Abeba mentre i ribelli proseguono la loro avanzata e la diplomazia tenta le ultime carte

Parata militare a Meskel square, Addis Abeba, lo scorso 7 novembre

Parata militare a Meskel square, Addis Abeba, lo scorso 7 novembre

Si aggrava la catastrofe umanitaria in Etiopia, mentre sul piano diplomatico è quasi Abiy Ahmed contro tutti, Onu, Usa, Vaticano... L’arresto «senza spiegazioni» di 16 impiegati locali delle Nazioni unite, tutti tigrini, è l’ultimo passaggio di una crisi che aveva toccato il culmine con l’espulsione di 7 funzionari Onu per ingerenze a fine settembre. La conferma invece da fonti vaticane che 17 tra sacerdoti, diaconi e laici, etiopi ed eritrei, sono stati prelevati da un centro salesiano a Gottera e «portati in un luogo sconosciuto», è da inquadrare nell’ondata di arresti scatenatasi dopo la dichiarazione dello stato d’emergenza, con retate...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.