closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Terroristi, estrema destra e militari: prolifera il mercato nero delle armi

Europa. Sempre più facile procurarsi un'arma da fuoco: l'allarme nel rapporto del Flemish Peace Institute. Il Belgio uno dei paesi più toccati dal fenomeno; In Italia a gestire il traffico sarebbe la mafia

Procurarsi un’arma da guerra sarebbe sempre più facile sul territorio europeo. È l’allarme lanciato dal rapporto Firearms acquisition by terrorists in Europe, presentato al Parlamento fiammingo (una delle regioni federali del Belgio) la scorsa settimana dal Flemish Peace Institute. E proprio il Belgio sarebbe uno degli Stati in cui più facilmente si possono acquistare armi da fuoco, leggere o da guerra, forte di uno dei mercati neri fra i più proliferi del continente. Una reputazione nota da tempo e che aveva spinto, nel 2010, un quotidiano locale, La Dernière heure, a mostrare quanto facile fosse l’acquisto di un’arma, inviando un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi