closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Teatro Valle (ri)occupato: dopo le luci in sala arriva subito lo sgombero

Beni comuni. Un blitz di un giorno per denunciare due anni di abbandono e vuoto politico. E subito sgomberato: la partecipazione è un problema di ordine pubblico a Roma. I candidati al ballottaggio, Raggi (M5S) e Giachetti (Pd), si esprimono: "L'occupazione non serve, c'è un accordo". Gli attivisti: "Tra il ministero dei Beni Culturali e il teatro di Roma e non è mai stato ratificato". Annuncio del Campidoglio: martedì firmerà con il Mibact un piano di "valorizzazione" del Valle e poi partirà la ristrutturazione con 3 milioni di euro. Tutte le incertezze sul destino del più antico teatro della Capitale. Di nuovo chiuso.

Ieri a Roma il Teatro Valle

Ieri a Roma il Teatro Valle

Sono rientrati nel Teatro Valle due anni dopo il forzato sgombero con le luci spente. Nella sala più antica di Roma due casse diffondevano un suono cupo e ritmato: il battito cardiaco di un teatro che è tornato a respirare per tre ore dopo 669 giorni e 22 mesi di abbandono. E di vendetta politica: tre anni di occupazione dovevano essere rimossi. Partecipazione e autogoverno della cittadinanza, anche. Ci sono riusciti, nella città del disastro Marino e del triplo commissariamento: Tronca in Campidoglio, poi il Giubileo, infine il debito. In morte apparente fino a ieri, quando gli attivisti lo hanno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.