closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Teatro dell’Opera, i lavoratori pensano anche all’occupazione

Roma. Franceschini: «Nessun rischio di contagio ad altre fondazioni lirico-sinfoniche». Il sindaco Marino: «Esternalizzazione non è una brutta parola»

Doveva essere un presidio dei tecnici del Teatro dell'Opera che solidarizzavano con i 182 artisti licenziati dalla clamorosa decisione del Cda del Teatro che ha esternalizzato sia il coro che l'orchestra. Ieri in piazza Beniamino Gigli a Roma sono arrivati tutti i coristi e gli orchestrali. Durante l’assemblea ci sono state anche contestazioni ai sindacati e alle «divisioni e agli interessi di parte» che avrebbero portato alla situazione attuale. I musicisti sono arrivati con i figli muniti di cartelli («Non rubateci il futuro», «Non uccidete il nostro amore per la musica»). Un altro ha indossato una maglietta con la citazione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.