closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Tav, Lupi balla sui costi. Renzi lo «declassa»

Torino-Lione. Il finanziamento europeo, che Italia e Francia devono chiedere entro fine febbraio, rimane, in realtà, una chimera

Cantiere Tav

Cantiere Tav

La guerra di cifre sulla Torino-Lione crea malumori in seno al governo. Rimangono sotto traccia, ma sono espliciti. Il premier Matteo Renzi, multitasking instancabile, anche dall'Australia ha monitorato la situazione, prendendo le redini della delicata questione. Prima della partenza, aveva chiamato il senatore Pd, il Sì Tav per eccellenza. Stefano Esposito (lo ha dichiarato quest'ultimo su facebook). Dandogli il compito di stilare una nota puntuale sul tema dei costi Tav. Scavalcando, così, l'interlocutore naturale, il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi, che ieri in Val di Susa per l'inaugurazione della seconda galleria del traforo autostradale del Frejus, stizzito, ha tagliato corto:...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi