closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Tasse su tabacchi e Whatsapp, situazione esplosiva in Libano

Piazze antigovernative. Il premier Hariri fa un inutile passo indietro: le proteste sono sempre più estese e violente

Manifestanti a Beirut

Manifestanti a Beirut

Resta esplosiva la situazione in Libano dove si allargano e diventano più violente le manifestazioni di protesta cominciate due giorni fa in seguito alla approvazione di tasse sull’uso delle applicazioni di messaggistica, come Whatsapp, e di un’imposta sulle sigarette. Il governo ha previsto inoltre un aumento dell’Iva al 15% entro il 2022. Migliaia di persone hanno inondato anche ieri le strade del centro di Beirut e di altre città tra cui Tripoli, Tiro e Baalbek al grido di «Ladri, ladri». Manifestazioni così ampie non si registravano dal 2015, durante quella che divenne nota come la crisi dei rifiuti. Ieri sera...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.