closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Taranto, la procura rispegne un altoforno. Stallo al tavolo Mise

Ex Ilva. Il provvedimento legato alla morte di un operaio nel 2015. Di Maio media ma l’azienda non recede dalla cassa integrazione

Le ciminiere degli altoforni dell’ex Ilva di Taranto

Le ciminiere degli altoforni dell’ex Ilva di Taranto

Piove sul bagnato per l’acciaio a Taranto. Pochi minuti prima che iniziasse un surreale tavolo di confronto tra governo, azienda e sindacati al Mise, è arrivata la notizia che la procura tarantina ha disposto l’avvio delle procedura di spegnimento dell’Altoforno 2 dell’impianto ex Ilva. LA VICENDA RIGUARDA LA MORTE l’8 giugno del 2015 dell’operaio Alessandro Morricella, 35 anni, di Martina Franca, travolto da un getto di ghisa incandescente proprio in Afo2. Un decreto del governo Renzi bloccò quel provvedimento di sequestro. Venne concessa la facoltà d’uso. A seguito della richiesta degli amministratori dell’ex Ilva in amministrazione straordinaria di dissequestro dell’impianto,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.