closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Tappeto rosso per Orban in Israele

Israele/Ungheria. Giunto ieri sera a Tel Aviv, il premier ungherese, espressione della destra europea xenofoba e populista, sarà ricevuto oggi da Netanyahu come un amico e sincero alleato. Ma in Israele si moltiplicano polemiche e condanne

Si può essere ebreo e premier di un paese, Israele, che da decenni sostiene di essere una ‎risposta all'antisemitismo e allo stesso tempo essere amico e alleato di un leader della destra ‎che ha elogiato Miklos Horthy a capo dell'Ungheria durante la ‎seconda guerra mondiale ‎quando 600mila degli 800mila ebrei del paese furono sterminati dai nazisti. Sembra di sì ‎almeno se si tiene conto dell'atteggiamento di Benyamin Netanyahu. Oggi il primo ministro ‎israeliano si prepara a ricevere con grandi onori il premier ungherese Viktor Orban. Un ‎benvenuto che conferma come la destra israeliana al potere stia rafforzando i legami con...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.