closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Talebani sotto pressione, tre giorni di tregua

Afghanistan. Rabbia della società afghana per l’ultimo terribile attentato dell’Isis a Kabul (85 morti in una scuola) e aspettative internazionali: il gruppo concede qualcosa. Il governo punta a un cessate il fuoco di lungo periodo. E il presidente Ghani si dice pronto a dimettersi

La commemorazione di una delle ragazze uccise a Kabul nell’attacco al liceo

La commemorazione di una delle ragazze uccise a Kabul nell’attacco al liceo

I Talebani annunciano tre giorni di tregua «affinché i nostri compatrioti possano celebrare in pace» l’Eid ul-fitr, la fine del Ramadan. Così recita il comunicato pubblicato sulla Voce del jihad, il sito ufficiale del cosiddetto Emirato islamico d’Afghanistan. L’ANNUNCIO ARRIVA quando a Kabul e in tutto il Paese ancora si piangono le vittime – salite a 85, secondo uno dei portavoce governativi – del terribile attentato contro la scuola Sayed ul-Shahada, nel quartiere sciita Dasht-e-Barchi della capitale, già obiettivo nei mesi e negli anni passati di sanguinosi attentati rivendicati dalla «Provincia del Khorasan», la branca locale dello Stato islamico. Un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi