closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Tacchi, schivo negoziatore della figurazione

A Roma, Palazzo delle Esposizioni, la mostra di Cesare Tacchi, a cura di Daniela Lancioni e Ilaria Bernardi. La prima, vera ricognizione dell’opera dell'artista di quella che Cesare Vivaldi definì, nel 1963, "giovane scuola romana": proprio gli anni sessanta restano il suo apice espressivo, sotto il segno di Picabia e del cinema da Antonioni a Resnais

Cesare Tacchi nel suo studio, Roma 1965, accanto al dipinto

Cesare Tacchi nel suo studio, Roma 1965, accanto al dipinto "Renato e poltrona" © photo Plinio De Martiis

L’uomo poggia la mano sul bracciolo della poltrona, si volta, qualcosa ha catturato la sua attenzione. Ha lo sguardo attento, le gambe accavallate in una posa insieme controllata e disinvolta: indossa camicia e pullover, pantaloni col risvolto, mocassini. Poco lontano, tre personaggi, una donna e due uomini, conversano seduti su un divano, osservati di spalle; uno di loro si interrompe di colpo, il braccio ancora sollevato in un gesto, rivolge lo sguardo allo spettatore. Le silhouettes, a tratti essenziali neri o bianchi, si stagliano nettamente su superfici di stoffa imbottita, stampata a motivi floreali dai toni gialli, rosa, verdi, azzurri,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.