closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Svolta securitaria di Macron dopo l’attacco in questura

Francia. L’episodio ha rimesso il terrorismo al centro dell’attenzione politica. Con il passare dei giorni sono venuti alla luce molti particolari che sembrano indicare una radicalizzazione religiosa di Harpon, che si era convertito all’islam una decina di anni fa. Al via una commissione d’inchiesta all’Assemblée Nationale

La prefettura di Parigi dopo l’attacco del 3 ottobre scorso

La prefettura di Parigi dopo l’attacco del 3 ottobre scorso

Una commissione d’inchiesta all’Assemblée Nationale la prossima settimana analizzerà i fatti avvenuti alla Prefettura di Polizia giovedì 3 ottobre quando un impiegato addetto ai servizi informatici, Mickaël Harpon, ha ucciso all’arma bianca quattro colleghi. Il ministro degli Interni, Christophe Castaner, in grande difficoltà a causa di affermazioni affrettate e imprecise subito dopo i fatti, dovrà rispondere, dopo essere già stato interrogato questa settimana dai deputati e dai senatori. All’inizio, era sembrato un fatto di cronaca tragico, frutto di un colpo di follia. Ma con il passare dei giorni sono venuti alla luce molti particolari, che sembrano indicare una radicalizzazione religiosa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.