closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Svolta nell’area per la proposta di pace del leader kurdo

Ocalan e il Kurdistan turco. Il carcere di Imrali, dov’è rinchiuso, è meta di delegazioni

Il Kurdistan turco è molto cambiato dall’ultima visita, molti anni fa, e non solo perché le città come Diyarbakir si sono enormemente gonfiate, ma anche perché, nonostante tutti i problemi e le discriminazioni, i kurdi non sono più sotto assedio come in passato. Continuano a esserci migliaia di prigionieri politici e se sono diminuiti i casi di tortura «non è tanto per il risultato delle pressioni dell’Associazione per i diritti umani ma perché la scelta del governo è di sparare sui manifestanti invece di arrestarli», afferma Sebla Arcan dell’Insan Haklari Derneci, che da 20 anni si occupa degli scomparsi insieme...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.