closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Suoni e parole, il jazz nel distopico scenario contemporaneo

Note sparse. Antonio Apuzzo e Roberto Ottaviano artefici di due album dal forte valore musicale e etico: «Musiche insane » e «Resonance & Rapsodies»

Scenari recenti hanno portato alla ribalta due album di jazzisti italiani, album dal forte valore sia musicale che etico. Si tratta di due artisti (sassofonisti e compositori) all’incirca della stessa età (sopra ai sessant’anni), che debuttarono negli anni ottanta ma con vicende diverse. Roberto Ottaviano – apprezzato docente di conservatorio, barese – ha sempre avuto visibilità e progettualità estese, dai primigeni progetti per soprano solo (sull’esempio di Steve Lacy, di cui è un originale seguace) o per sestetto di fiati (Six Mobiles) ai dischi e performance che lo vedono impegnato anche con significativi artisti internazionali, tra cui il pianista Alexander Hawkins...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.