closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Sul porto di Gioia Tauro la nuova ‘ndrangheta come «impresa»

Il porto di Gioia Tauro

Il porto di Gioia Tauro

Lungo la direttrice Calabria-Lombardia-Veneto-Cina, la ‘ndrangheta si è mossa per fare business. L’operazione Porto franco ha scoperchiato un sistema marcio di prestanome, intermediari, «scatole vuote» e faccendieri, dietro cui si nascondeva la vecchia ‘ndrangheta dei Pesce di Gioia Tauro. All’alba di ieri, su mandato della Dda di Reggio, si è proceduto così all’esecuzione di 13 ordinanze di custodia cautelare, al sequestro del patrimonio di 23 imprese per un valore di 56 milioni. Il condizionamento dei settori più produttivi, prima affidato ai proventi delle estorsioni, si è trasformato acquisendo vocazione imprenditoriale. Le indagini sono iniziate dopo verifiche fiscali su imprese di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.