closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Sul Green pass si misura la fragilita politica

Il dibattito parlamentare sulla conversione in legge del decreto si trasforma in un teatrino

La politica è – del tutto fisiologicamente – teatro. Ma talvolta diventa piuttosto un teatrino, come nella conversione in legge del decreto green pass. Prima le parole apparentemente ferme di Draghi in conferenza stampa sull’obbligo vaccinale, cui ha fatto seguito Mattarella con un richiamo al dovere di vaccinarsi. Poi il voto della Lega favorevole ad alcuni emendamenti soppressivi, respinti dalla restante maggioranza. È seguita una trattativa tra Draghi e Salvini. In Consiglio dei ministri spariscono estensione del green pass e obbligo vaccinale, salvo un’ipotesi minimale per personale esterno di scuole e università, e residenze per anziani. Il sipario cala con...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.