closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«Su Saman Abbas dalla sinistra troppo silenzio»

Femminicidio. Parla Nadia Bouzekri, vicepresidente dell’Unione delle comunità islamiche in Italia schierata contro i matrimoni forzati con una fatwa. «avvengono in nicchie etniche molto ristrette. La violenza di genere è trasversale a culture e religioni. È un problema di come si concepisce la donna»

In piazza a Brescia contro l’omicidio di Sana Cheema uccisa nel 2018 dai famigliari in Pakistan

In piazza a Brescia contro l’omicidio di Sana Cheema uccisa nel 2018 dai famigliari in Pakistan

Saman Abbas, diciottenne di origini pakistane, è scomparsa da più di un mese, dalla notte del 30 aprile scorso. Viveva a Novellara, in provincia di Reggio-Emilia. Madre e padre sembrano essere fuggiti in Pakistan. Sono ricercati insieme allo zio Danish Hasnain e a un cugino. Un altro cugino è stato arrestato in Francia e si attende l’estradizione. Il sospetto è che l’abbiano uccisa per il rifiuto di un matrimonio combinato che si sarebbe dovuto tenere in Pakistan. L’Unione delle Comunità Islamiche in Italia (Ucoii), l’ente religioso di rappresentanza dei musulmani più radicato in Italia, ha condiviso una fatwa contro questa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi