closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Su e giù da palazzo Chigi. Sul premier non c’è pace

Governo. Calano le quotazioni di Di Maio. Salvini: «Né io né lui». Resta in campo Emilio Carelli. Ripensamenti anche sul programma. Previsto per oggi un nuovo vertice tra i due leader

Luigi Di Maio esce dal palazzo dei gruppi parlamentari

Luigi Di Maio esce dal palazzo dei gruppi parlamentari

Semaforo rosso. L’accordo è lì, chiaramente a un passo, però tre ore di vertice mattutino tra Di Maio e Salvini non bastano a trovare l’intesa sul punto più spinoso: il nome del futuro premier. In serata le quotazioni di Luigi Di Maio erano in netta discesa. Salvini dava già per chiusa la partita: «Non saremo né io né lui». Ma che sia chiusa davvero è tutto da certificare. I due si erano lasciati poco dopo pranzo, il leghista diretto a Monza, il pentastellato ad Aosta, con l’impegno di tenersi in contatto telefonico e rivedersi presto. Probabilmente oggi stesso, a Milano,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi